Orchidee spontanee del Matese

Raggio di Sole in Valigia - 22 aprile

Basta dirmi la parola Primavera che la mia mente mi porta subito alla vista dei bellissimi e delicatissimi fiori.
Fiori che ho imparato ad amare ed apprezzare da grande.
Fiori che ho scoperto essere spontanei e che vivono, forse forse, solo dalle mie parti.
Fiori che in primavera spuntano qua e la tra i campi del mio paesello, e delle zone limitrofe, e che spesso vengono considerati erbacce da estirpare.
Fiori che appartengono ad uno dei gruppi di vegetali più interessanti e preziosi della flora del Matese.
Fiori che andrebbero studiati, ammirati, e tutelati da ogni singola persona.
Questi fiori, che tanto amo, sono le orchidee spontanee del parco naturale del Matese: un dono inestimabile di madre Natura.


Ho letto che sono più di 50 le specie di orchidee spontanee segnalate che "popolano" il parco del Matese, alcune di esse piuttosto comuni mentre altre definite rare. A loro, poi, vanno aggiunte le piante di natura ibrida.

Le orchidee che vedi nelle foto sono della specie che, in primavera, maggiormente si incontra nei campi del mio paese e che difficilmente riesco a non fotografare! :)


Ci tengo a ricordarti che le orchidee spontanee, come del resto tutta la flora protetta sull'area nazionale, è tutelata da normative, sia nazionali che internazionali, che vietano rigorosamente l’importazione, l’esportazione, il trasporto e la detenzione di piante, semi o parti di piante raccolte in natura. Ma soprattutto, considera che molte piante, come accade per le orchidee spontanee, impiegano anni per crescere ed arrivare a produrre fiori, non raccoglierle dovrebbe essere un'azione dettata soprattutto dal buonsenso.

Il territorio del Matese, tutto molto bello ed interessante, è costituito da una catena di monti prevalentemente calcarei situati tra Molise e Campania. E’ un territorio ricco di luoghi selvaggi, popolati da lupi e aquile reali, con laghi dalle acque azzurre, centri storici originali e molto ben conservati, tanta storia e tanti tanti prodotti tipici genuini e unici.

Nella foto in basso, lago Matese, situato ai piedi del Monte Miletto, uno dei luoghi che più volte ho avuto modo di ammirare e a cui sono molto legata.

Le informazioni riportate nel post sono state estrapolate da questo sito e da quest'altro. Entrambi meritano una capatina, soprattutto se vuoi leggere qualcosa in più su questi bellissimi fiori e/o sul parco del Matese.

Spero di averti un pochino incuriosito a proposito di questi bellissimi fiori e di averti convinto che in Italia non solo abbiamo un patrimonio artistico immenso da tutelare, ma anche un patrimonio naturalistico, altrettanto bello ed interessante, da proteggere, per far si che un domani chi verrà possa ancora godere di queste bellezze che madre Natura ci ha regalato.

Oggi in tutto il mondo si "festeggia" la giornata mondiale della Terra, con questo post mi unisco anche io ai festeggiamenti tanto tanto volentieri. Happy Earth Day! ^_^

Ti auguro una serena giornata di primavera, a presto.

Valentina

  • Condividi:

Ancora qualcosa da Leggere

2 Commenti

  1. Le meraviglie della Natura colte da una bravissima fotografa!
    Ma quanto sei brava!
    Sy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia tu sei troppo buona con me! 😉

      Elimina